Il reclinatore

Vi è mai capitato che il passeggero davanti a voi reclinasse il sedile senza il minimo riguardo e ritegno?
Sicuramente, almeno una volta nella vita, tutti abbiamo vissuto questa situazione fastidiosa.

Che sia Autobus o Aereo il reclinatore di sedile è una delle specie umane più infime.

Alcuni potrebbero dire: “Il sedile lo prevede e lo possono fare tutti, quindi perché no? ”

Perche no! Punto!
Se vuoi “svaccarti” cacci la grana e vai in business dove hai tutto lo spazio del mondo.

E non importa se il sedile ne prevede l’opzione, semplicemente non va reclinato per rispetto di chi hai dietro.

Dovrebbe essere una regola non scritta, un codice etico da rispettare per rendere la convivenza durante il viaggio la più pacifica possibile.

Tipo quando sei a fare la spesa che hai svaligiato il supermercato, sei in fila alla cassa e dietro di te vedi uno con 1L di latte, e basta.
Nessuno ti vieta di proseguire e mantenere la tua posizione, non sei obbligato a far avanzare chi è in fila con un solo articolo, il buonsenso però spinge per far passare il povero tizio con il latte, senza che aspetti un quarto d’ora. Il tizio è felice, tu non perdi nulla in termini di tempo e magari ricevi anche un grazie.

(se siete quelli che non cedono la fila al supermercato probabilmente siete gli stessi che reclinano il sedile)

E allora si inizia una guerra personale con quello che ti sbatte il sedile sul mento: spinte, ginocchiate, finti movimenti bruschi volti solo a disturbare il passeggero di fronte a noi, piccoli calci, tosse, uso del touch dello schermo con pressioni che muoverebbero un’elefante.

Tanti piccoli gesti e segnali con l’obbiettivo di far desistere il reclinatore dal mantenere la posizione infame.
Spesso, con un po di perseveranza, alla fine si riesce a far cedere il maleducato.

Alcune volte purtroppo no, ma non bisogna mollare e se proprio non riusciamo a vincere la guerra, cerchiamo di rendere il viaggio di chi ci sta di fronte il peggiore possibile.

Perché il reclinatore seriale la deve smettere!

Tratto da tante storie vere

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...